Incendi, l’accusa del CONAPO: “Pochi Vigili del Fuoco, assetati e disidratati”

Incendi, l’accusa del CONAPO: “Pochi Vigili del Fuoco, assetati e disidratati”

489
SHARE

conapo“Evidentemente il risparmio economico per l’amministrazione vale più della sicurezza dei Vigili del Fuoco”. Lo denuncia Livio CAVUOTO segretario provinciale del CONAPO, il sindacato autonomo dei vigili del fuoco di Benevento, dopo i fatti che si sono verificati negli ultimi tempi.
“Da circa due mesi – spiega il sindacalista del CONAPO – i vigili del fuoco beneventani, come d’altronde tutti quelli della Campania, a causa dei tantissimi incendi, stanno affrontando turni di lavoro massacranti e operano anche in molte occasioni a limite della sicurezza. A Benevento i vigili del fuoco sono stremati dalla mole di lavoro di questa stagione per il fatto che si sta lavorando con un numero insufficiente di vigili del fuoco, peraltro demoralizzati dalla poca attenzione della propria amministrazione che privilegia risparmi di spesa alla sicurezza del proprio personale”.
Per il sindacato CONAPO “la scarsa attenzione è purtroppo dimostrata dai fatti”.
Cavuoto rende noto di “aver richiesto numerose volte di integrare il personale operativo, visto i pochi uomini in servizio impegnati nel dover  gestire più interventi. Invece le squadre sono state ridotte al minimo, sotto i numeri di sicurezza, a volte anche con 3 soli pompieri. È accaduto anche per mancanza di Vigili del Fuoco, che interi paesi come il Fortore, l’intera Valle Telesina e Montesarchio e paesi limitrofi sotto la giurisdizione dei rispettivi distaccamenti di San Marco dei Cavoti, Telese e Bonea sono rimasti senza pompieri, perché tutti impegnati sugli incendi e in caso di necessità di interventi avrebbero dovuto attendere l’arrivo dai territori esterni e con tempi più lunghi”.
“La solidarietà di tutti quelli che ci amano, come la bellissima iniziativa del murales a favore dei vigili del fuoco da parte della curva sud Benevento, qualche parola di vicinanza spesa da alcuni esponenti politici beneventani e la vicinanza dei cittadini tutti che ogni giorno ci sostengono anche con un semplice bicchiere d’acqua quando ne abbiamo bisogno – aggiunge Cavuoto – sono segnali che ci incoraggiano, ma l’aiuto, quello che ci consente di essere soccorritori efficienti senza rischiare la pelle, deve arrivare dai nostri stessi vertici dell’amministrazione con fatti concreti”.
“Basti sapere che le norme di sicurezza per la salute sul lavoro prevedono che a ogni Vigile del Fuoco deve essere garantito un certo quantitativo di apporto idrico e integratori salini, con idonei sistemi per il trasporto di bevande anche sugli incendi. Il CONAPO memore degli anni precedenti lo aveva ricordato a inizio luglio ma la fornitura di integratori salini è stata garantita ai Vigili del Fuoco solo per l’inizio di Agosto e solo per 3 giorni, poi il nulla fino ad oggi 16 che i pompieri Beneventani hanno incominciato di nuovo finalmente a ricevere i dovuti apporti idrici giornalieri, dopo nostro sollecito, con la speranza che ciò non termini di nuovo. Siamo a metà agosto e il Comando dei Vigili del Fuoco non ha ancora approntato nemmeno i contenitori thermos per il trasporto di bevande, forse impantanati nei meandri della burocrazia mentre i Vigili del Fuoco hanno invece bisogno di estrema attenzione alla loro salute e sicurezza, specie quando impegnati. E grazie ai tanti cittadini che hanno dissetato i pompieri, grazie a tutti meno che all’amministrazione dei Vigili del Fuoco”, dice il segretario CONAPO.
Ai cittadini di Benevento che ringraziamo per la vicinanza e ai politici, Livio Cavuoto, segretario CONAPO chiede: “i Vigili del Fuoco meritano questo trattamento” ?