Sampdoria-Benevento, il primo di tanti viaggi: 706,8 chilometri d’Amore

Sampdoria-Benevento, il primo di tanti viaggi: 706,8 chilometri d’Amore

1015
SHARE

tifosi benevento sampdoriaSampdoria-Benevento è non riuscire a dormire la notte prima perché ricordi che hai perso una finale playoff di C1 in casa contro il Crotone.
Sampdoria-Benevento è ricordare la maledizione della Strega e quell’incantesimo spezzato, ma ancora non lo realizzi davvero.
Sampdoria-Benevento è tornare indietro di 88 anni, la genesi nel 1929 e i campi di terra battuta, la B conquistata sul campo ma mai vista per mancanza di fondi, il vecchio Meomartini, il nuovo Santa Colomba, il “Ciro Vigorito” ultra moderno.
Sampdoria-Benevento è l’evoluzione, il processo di crescita.
Sampdoria-Benevento è imparare a camminare dopo aver gattonato.
Sampdoria-Benevento è svegliarsi di domenica 20 agosto e prendere il pullman che stavolta non ti porta a Campomarino.
Sampdoria-Benevento è una giornata di mare cancellata, l’attesa dai primi vagiti del mattino, l’ansia di quel che sarà.
Sampdoria-Benevento è vedersi finalmente con la combriccola di sempre, guardarsi negli occhi e urlare “jamm a Sampdoria”.
Sampdoria-Benevento è salire sul pullman, posare sciarpa e maglietta in attesa che la sfoggi a Marassi. A proposito…
Sampdoria-Benevento è la prima volta a Marassi per chi ancora non ha avuto l’onore di esserci.
Sampdoria-Benevento è “quann partimm?”.
Sampdoria-Benevento è “imposta il navigatore”.
Sampdoria-Benevento è “ma tu comm ta fatt u panin?”.
Sampdoria-Benevento è “ce pienz, jamm a Marassi”.
Sampdoria-Benevento è 706,8 km d’Amore che separano Benevento a Genova.
Sampdoria-Benevento è “devo andare in bagno” 10 minuti dopo la partenza.
Sampdoria-Benevento è “ma ca’ addo stamm?”.
Sampdoria-Benevento è il brivido che ti percorre lungo la schiena a mezzogiorno al solo pensiero che le ore passano e non te ne accorgi.
Sampdoria-Benevento è assaporare anche il momento più insignificante.
Sampdoria-Benevento è la sosta all’autogrill con i viaggiatori che ti scrutano da cima a fondo.
Sampdoria-Benevento è il pisolino pomeridiano per allentare la tensione.
Sampdoria-Benevento è “ma nun riesc a piglià suonn…”.
Sampdoria-Benevento è il selfie per far rosicare i “divanisti”.
Sampdoria-Benevento è il sole del pomeriggio che penetra gli occhi.
Sampdoria-Benevento è “quant ce vol ancor?”.
Sampdoria-Benevento è l’ennesima sosta all’autogrill e altri viaggiatori che ti scrutano.
Sampdoria-Benevento è l’autostrada del Sole, le campagne del Lazio, il verde dell’Umbria, le masserie toscane, la Versilia, il paesaggio contrastante della Liguria, unita nella sua diversità da verdi promontori che culminano a strapiombo sul mare.
Sampdoria-Benevento è “mancano tre ore alla partita…”.
Sampdoria-Benevento è il casello di Genova che diventa realtà.
Sampdoria-Benevento è quando la navetta ti porta a Marassi, lo vedi ed esulti come se fosse un gol.
Sampdoria-Benevento è salire la torretta che ti porta nel settore e scattare le prime immagini da conservare gelosamente.
Sampdoria-Benevento è “piglia u post che se ver buon”.
Sampdoria-Benevento è guardare la Sud blucerchiata riempirsi… Ah ma non è Entella-Benevento.
Sampdoria-Benevento è la lacrima senza vergogna che ti scende quando vedi Serie A Tim e Benevento nello stesso contesto mai immaginato prima.
Sampdoria-Benevento è l’orgoglio sannita che si permea nelle mura di Marassi.
Sampdoria-Benevento è “manca un quarto d’ora per la storia”.
Sampdoria-Benevento è distruggere le casse della tv al gol di Ciciretti.
Sampdoria-Benevento è il sostegno incondizionato per 95 minuti.
Sampdoria-Benevento è il fine partita da applausi con la nord della Doria, i complimenti, i video, i selfie in segno di rispetto e ammirazione.
Sampdoria-Benevento è la sensazione di esserne usciti comunque da vincitori nonostante la sconfitta.
Sampdoria-Benevento è la vittoria di chi ama per davvero.
Sampdoria-Benevento è “mo facc una tirata a dorm fin a diman ammatin”.
Sampdoria-Benevento è un altro viaggio di 706,8 chilometri.
Sampdoria-Benevento è 18 ore e 30 di viaggio complessive per un’ora e mezza di partita.
Sampdoria-Benevento è l’esordio della Strega in A, molto semplicemente.
Sampdoria-Benevento è il ricordo da raccontare ai nostri futuri figli, è la storia fatta assistere a chi i figli già li ha, è un pensiero al padre o nonno scomparso che al massimo andava in trasferta a Tricase, è abbracciare chi un padre ha la fortuna di averlo, è il bacio alla fidanzata come gesto portafortuna, è tutta la famiglia unita sotto due colori.
Sampdoria-Benevento è soltanto il primo di tanti viaggi memorabili a Torino, Milano e Roma da vivere accanto a te.