Balbuzie: che cos’è e cosa fare per curarla?

La balbuzie – detta anche disordine della fluenza all’esordio infantile – è un disturbo del linguaggio che comporta problemi frequenti e significativi con la normale fluidità e flusso del linguaggio. Le persone che balbettano sanno quello che vogliono dire, ma hanno difficoltà a dirlo. Per esempio, possono ripetere o prolungare una parola, una sillaba, o un suono di consonante o vocale. Oppure possono fermarsi durante il discorso perché hanno raggiunto una parola o un suono problematico. La balbuzie è comune tra i bambini piccoli come parte normale dell’imparare a parlare. I bambini piccoli possono balbettare quando le loro abilità linguistiche non sono sufficientemente sviluppate per tenere il passo con ciò che vogliono dire. La maggior parte dei bambini supera questa balbuzie dello sviluppo.

A volte, tuttavia, la balbuzie è una condizione cronica che persiste fino all’età adulta. Questo tipo di balbuzie può avere un impatto sull’autostima e sulle interazioni con le altre persone. I bambini e gli adulti che balbuzie possono beneficiare di trattamenti come la logopedia, utilizzando dispositivi elettronici per migliorare la fluidità del linguaggio o la terapia comportamentale cognitiva.

Sintomi

Segni e sintomi di balbuzie possono includere:

  • Difficoltà nell’iniziare una parola o una frase
  • Prolungamento di una parola o di suoni all’interno di una parola
  • Ripetizione di un suono, una sillaba o una parola
  • Breve silenzio per certe sillabe o parole, o pause all’interno di una parola (parola spezzata)
  • Aggiunta di parole extra come “um” se si prevede di avere difficoltà a passare alla parola successiva.
  • Eccessiva tensione nel pronunciare un vocabolo
  • Ansia di parlare
  • Limitata capacità di comunicare efficacemente
  • Tremori delle labbra o della mascella
  • Tic facciali
  • Chiudere i pugni

La balbuzie può essere peggiore quando la persona è eccitata, stanca o sotto stress, o quando si sente consapevole di sé, affrettata o sotto pressione. Situazioni come parlare davanti a un gruppo o al telefono possono essere particolarmente difficili per le persone che balbettano. Tuttavia, la maggior parte delle persone che balbettano possono parlare senza balbettare quando parlano con se stessi e quando cantano o parlano all’unisono con qualcun altro.

Quando consultare un medico o un logopedista

E’ comune per i bambini tra i 2 e 5 anni di età di passare attraverso periodi in cui possono balbettare. Per la maggior parte dei bambini, questo fa parte dell’imparare a parlare, e migliora da solo. Tuttavia, la balbuzie che persiste può richiedere un trattamento per migliorare la fluidità del linguaggio.

Chiama il tuo medico per un referto o contatta direttamente un logopedista per un appuntamento se balbetta:

  • Dura più di sei mesi
  • Si verifica con altri problemi linguistici
  • Diventa più frequente o continua con l’avanzare dell’età del bambino
  • Si verifica con il rafforzamento muscolare
  • Influenza la capacità di comunicare efficacemente a scuola, al lavoro o nelle interazioni sociali
  • Provoca ansia o problemi emotivi, come la paura o l’elusione di situazioni in cui è richiesta la parola
  • Comincia da adulto

Cause della balbuzie

I ricercatori continuano a studiare le cause alla base della balbuzie dello sviluppo. Può essere coinvolta una combinazione di fattori. Le possibili cause di balbuzie dello sviluppo includono

  • Anomalie nel controllo del linguaggio motorio. Alcune evidenze indicano che possono essere coinvolte anomalie nel controllo del linguaggio motorio, come la temporizzazione, la coordinazione sensoriale e motoria.
  • Genetica. La balbuzie tende ad essere ricorrente in famiglia. Sembra che la balbuzie possa derivare da anomalie (genetiche) ereditarie.
  • La balbuzie derivante da altre cause
  • La fluidità del linguaggio può essere interrotta da cause diverse dalla balbuzie dello sviluppo. Un ictus, una lesione cerebrale traumatica o altri disturbi cerebrali possono causare un linguaggio lento o con pause o suoni ripetuti (balbuzie neurogenetiche).

La fluidità del linguaggio può anche essere interrotta nel contesto di disagio emotivo. Le difficoltà di parola che appaiono dopo un trauma emotivo (balbuzie psicogenetiche) non sono comuni e non sono le stesse del balbuzie dello sviluppo.

Fattori di rischio

I maschi hanno maggiori probabilità di balbettare rispetto alle femmine. I fattori che aumentano il rischio di balbuzie includono:

  • Ritardo nello sviluppo infantile. I bambini che hanno ritardi nello sviluppo o altri problemi di linguaggio possono avere maggiori probabilità di balbettare.
  • Avere parenti che balbettano. La balbuzie tende a ricorrere in famiglia.
  • Stress. Lo stress in famiglia, le elevate aspettative dei genitori o altri tipi di pressione possono peggiorare le balbuzie esistenti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *