Le attrazioni più belle da visitare a Lione

Pochi luoghi in Francia offrono un quadro così chiaro della lunga storia del paese come Lione, la capitale della regione Rodano-Alpi, confinante con la Svizzera e l’Italia. Risparmiata dalle grandi catastrofi naturali e da quelle provocate dall’uomo nel corso dei suoi 2’000 anni di storia, il ricco e variegato passato di Lione è in piena mostra nei quartieri storici della città. Dai cortili rinascimentali della Vieux Lyon fino alla collina di Fourvière, dove i Romani si stabilirono per la prima volta nel 43 a.C., ogni quartiere di Lione, o “arrondissements“, offre ai visitatori un’esperienza unica.

Molte delle principali attrazioni di Lione sono illuminate di notte, guadagnandosi il soprannome di Capitale delle Luci. Sede di alcuni dei migliori chef del mondo, la città è anche conosciuta come la capitale della gastronomia, offrendo ai viaggiatori un altro gustoso motivo in più per visitare la bella Lione.

Rue St-Jean

L’arteria principale del quartiere Vieux Lyon, la Rue St-Jean era un tempo il centro dell’industria della seta della città. I visitatori troveranno qui alcuni dei migliori esempi di architettura rinascimentale e cortili della città. Molte delle belle case e dei palazzi costruiti per i commercianti di seta e la nobiltà lionese sono oggi sede di bouchons, ristoranti nati nel XIX secolo quando i cuochi di famiglie aristocratiche si misero in proprio per aprire i loro stabilimenti. È uno dei posti migliori di Lione per assaggiare piatti locali come il gratin dauphinois e i rognons de veau à la moutarde.

Place des Terreaux

Con le sue origini che risalgono al XIII secolo, la Place des Terreaux, situata nel quartiere di Presqu’île, ha avuto a lungo un ruolo importante nella storia di Lione. Originariamente costruito come parte di una fortificazione murata, il sito è stato trasformato in piazza della città nel 1600. Sede di numerose decapitazioni a ghigliottina durante la Rivoluzione francese, la piazza centrale è oggi delimitata a est dal municipio di Lione e a sud dal Museo di Belle Arti di Lione. Sul lato nord della piazza si trova una fontana progettata da Frédéric Auguste Bartholdi, creatore della Statua della Libertà.

Parc de la Tete d’Or

Il più grande parco urbano della Francia, il Parc de la Tete d’Or è una destinazione popolare per famiglie, jogging e ciclisti. Molte delle attrazioni del parco sono rivolte ai bambini, tra cui un carosello, un piccolo zoo, un trenino e un teatro delle marionette, oltre a una varietà di impianti sportivi. Un lago offre la possibilità di fare gite in barca, picnic in riva al lago e passeggiate panoramiche lungo la riva. Per i visitatori, il fiore all’occhiello del parco è il Jardin Botanique de Lyon, che offre pittoresche serre del XIX secolo con una vasta gamma di piante tropicali, tra cui camelie secolari, piante carnivore e ninfee dell’Amazzonia.

Basilica di Fourvière

La Basilica di Notre-Dame de Fourvière, la Fourvière, che domina la “Collina della preghiera” di Lione, è stata costruita alla fine del XIX secolo su progetto dell’architetto Pierre Bossan. L’architettura della chiesa è unica per il suo stile bizantino e romanico. Oltre a quattro torri angolari che sovrastano la struttura, la basilica presenta un campanile con una statua dorata della Vergine Maria. Il santuario superiore della chiesa è decorato con mosaici e vetrate. I visitatori possono prendere una funicolare per raggiungere il sito dalla stazione della metropolitana di Vieux Lyon o salire a piedi sulla ripida salita alla cima della collina di Fourviere.

Vieux Lyon Traboules

Costruita a partire dalla ricchezza generata dalla produzione della seta, Lione è famosa per le sue “traboules“, gli unici passaggi coperti costruiti per proteggere il delicato tessuto dalle intemperie durante il trasporto da un punto all’altro. Il quartiere della Vieux Lyon ha una delle traboules più lunghe della città, che si estende dalla Rue St-Jean alla Rue du Boeuf, anche se ce ne sono molte altre in città. Nascosti dietro porte non descritte, i corridoi si sono rivelati utili durante la seconda guerra mondiale, fornendo alla popolazione locale un modo per sfuggire alle incursioni della Gestapo. Oggi, la maggior parte delle traboules si trovano in proprietà privata e servono come ingressi agli appartamenti locali. Tuttavia, i visitatori possono accedere a diverse traboules a Vieux Lyon durante le ore diurne premendo un pulsante di servizio vicino alla porta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *